Spazi Inclusi cambia “casa”: venite a trovarci in via Po 14 a Torino

Spazi Inclusi cambia “casa”: venite a trovarci in via Po 14 a Torino

Spazi Inclusi cambia casa!

Chiodi, intonaci, pennelli e parquet. Per una volta, non sono i protagonisti di uno dei nostri pezzi giornalistici. Ma fanno parte del nostro “cantiere”. Perché Spazi Inclusi ha cambiato “casa”: da gennaio siamo in via Po 14. All’angolo con via San Francesco da Paola e a due passi da piazza Castello. A Torino.

Spazi Inclusi

Spazi Inclusi

Scrivanie, viti, chiavi, scatoloni e luci. Ogni giorno prende vita un nuovo “pezzo” dello spazio che abbiamo scelto e ristrutturato. Con il preciso obiettivo di includere: la nostra parola d’ordine. Condividere lo spazio fisico e quello delle idee.

Si è chiuso il periodo di “onorato servizio” della nostra sede storica di via Verdi 20: qui siamo nati e siamo cresciuti. Qui siamo diventati una redazione. Qui ha sede, ancora, il Festival del Giornalismo Alimentare, con cui ogni giorno collaboriamo.

 

 

Vasi, piante e librerie. Nella nuova sede, che stiamo cercando di adattare alle nostre esigenze, offriamo “casa”ad altre realtà. Che con noi hanno iniziato, da più o meno tempo, a condividere un percorso. Il nostro network di giornalisti, esperti della comunicazione ed architetti. L’agenzia di comunicazione LaEffe, di Giorgia Brescia: collega che ormai da due anni ci affianca in un cammino quotidiano fatto di tante piccole e grandi scommesse. Pierluigi Ubezio con Collaterlamente. Qui in via Po ha sede anche L’Ambulanza dal Cuore Forte, la onlus di Andreja Restek che abbiamo sostenuto fin dall’inizio del suo cammino.

 

Macchinetta del caffè, frigo e spritz. Speriamo presto di poter brindare con tutti voi.  Spazi Inclusi, naturalmente!